Supply chain integrata: che cos’è e perché è importante

Supply chain integrata: che cos’è e perché è importante

Se si decide di parlare di supply chain integrata sarebbe forse più corretto riferirsi alla gestione integrata della catena di distribuzione.

Tuttavia, guardando alle definizioni “dure e pure”, la supply chain integrata identifica un processo in cui ogni singola fase, a partire dalla fornitura delle materie prime fino alla produzione, dal controllo qualità al packaging, dalla spedizione alla distribuzione o alla consegna finale, è semplificata e sinergica.

In pratica, si tratta di una sorta di unione olistica dei vari processi e che potrà essere sotto il completo controllo di una singola organizzazione o, in alternativa, di diversi partner che opereranno in sinergia tra loro.

Prima di entrare nel merito dei vantaggi della supply chain integrata, vediamo però di procedere a un piccolo ripasso delle nozioni fondamentali.

Ripassiamo i concetti chiave: cos’è la supply chain?

Il termine inglese supply chain può essere tradotto in italiano come “catena di distribuzione”, e identifica un processo articolato e complesso da gestirsi sempre attraverso una pianificazione accorta e una corretta allocazione delle risorse. Ricordiamo infatti che l’obiettivo cardine della supply chain è quello di implementare l’efficienza, l’efficacia e la responsività dell’organizzazione alle richieste e alle esigenze di clienti e fornitori.

Si definisce quindi “supply chain” il sistema di organizzazioni, attività, informazioni, risorse e persone che operano nel processo finalizzato al trasferimento o alla fornitura di un prodotto o servizio da fornitore a cliente.

Come senza dubbio avrai intuito, questo “percorso” inizia con l’approvvigionamento delle materie prime, procede con la fase produttiva e con la gestione dei prodotti a magazzino, e termina con la fornitura all’utilizzatore finale. Ciascuno di questi step prevede ovviamente il coinvolgimento di diverse risorse e figure professionali.

Da “supply chain” deriva inevitabilmente anche il termine “supply chain management” (anche conosciuto con l’acronimo SMC), ossia il coordinamento di tutte le fasi che compongono la catena di distribuzione col fine ultimo di migliorare la performance del flusso di approvvigionamento nella sua interezza.

In pratica, il SMC comporta la gestione di tutte le attività logistiche, che sono nove in totale e ordinate come segue:

  1. Le attività di marketing
  2. I rapporti con i fornitori
  3. Gli approvvigionamenti di materiali
  4. La gestione e lo stoccaggio delle materie prime
  5. La fase produttiva
  6. La gestione e lo stoccaggio delle scorte di prodotto finito
  7. La gestione degli ordini di acquisto
  8. La gestione delle consegne
  9. La logistica di ritorno

In linea generale, a una supply chain perfettamente organizzata equivale un enorme vantaggio competitivo che si fonda sull’ottimizzazione delle risorse, sulla riduzione degli sprechi, sull’incremento della rapidità di risposta da parte dell’azienda.

In questo contesto e proprio in funzione degli obiettivi da raggiungere, quali sono i vantaggi di usufruire di una supply chain integrata?

I vantaggi di una supply chain integrata

Le aziende che passano a una gestione integrata della catena di distribuzione sono sempre più numerose, e la ragione è da ricercarsi nei benefit che questo approccio è in grado di garantire.

Tra i principali vale la pena menzionare:

  • Incremento della revenue: una supply chain integrata permette all’organizzazione di concentrarsi su risorse e attività che possono generare un aumento del profitto. Considerando che ogni impresa dispone, al proprio interno, di processi e attività che impattano di più sulla revenue complessiva, la loro ottimizzazione gioca sempre un ruolo chiave e rappresenta una priorità per l’impresa. In questo senso, la gestione integrata della supply chain consente alle aziende di prioritizzare e focalizzarsi su asset specializzati che possono incrementare il valore dei loro prodotti e servizi.
  • Costi controllati: una gestione integrata della supply chain può generare un abbattimento dei costi, specialmente quelli “transazionali” che partner e venditori non riuscirebbero a evitare. In particolare nell’ambito della gestione di una catena di distribuzione integrata o centralizzata, l’organizzazione potrà quindi procedere al taglio di tutte le attività che ritardano il processo, e che finiscono inevitabilmente col generare costi inutili.
  • Controllo Qualità: si tratta di un vantaggio logico. La supply chain integrata, per sua natura, favorisce il controllo della qualità dei prodotti. In special modo quando l’obiettivo è mantenere controlli di conformità rigorosi, la presenza di una sola “autorità” a controllare l’intero processo si trasforma in un beneficio importante sono solo per l’azienda, ma anche per l’utilizzatore finale del prodotto o servizio.
  • Leva competitiva: nel momento in cui un’organizzazione si trova a beneficiare di vantaggi economici, controlli qualità più rigorosi e stringenti e migliore qualità del prodotto finito, è facile comprendere che essa sarà anche in grado di contrastare efficacemente la concorrenza e mantenere una posizione di leadership nella sua nicchia di mercato.

Gestione integrata della supply chain: attenzione a questi fattori

Per operare al meglio nell’ambito di una supply chain integrata, e fermi restando i potenziali vantaggi che questa può generare, sarà tuttavia sempre fondamentale evitare di “inciampare” in alcune criticità che potrebbero vanificare l’intero processo. In pratica, bisognerà operare in modo tale da rispondere in modo appropriato alle sfide che questo approccio porta con sé.

Un esempio tipico è rappresentato dalle difficoltà insite nell’integrazione di tutti i fornitori e della regolamentazione che l’azienda dovrà implementare per la gestione della sua catena di distribuzione integrata. Bisognerà in questo caso tenere presente che non tutti i fornitori dovranno necessariamente essere soggetti a ogni singola norma, ma al contempo sarà opportuno non stendere una regulation troppo generica che renda i processi ostici e poco trasparenti.

Anche la vulnerabilità del sistema nel suo complesso è un fattore da tenere in considerazione. Se questo “organismo” non performa adeguatamente anche in un solo punto del percorso (per esempio perché si verifica un errore o un ritardo), l’intera supply chain subirà un ritardo o un arresto.

In conclusione: la supply chain integrata apporta valore quando prevede percorsi chiari e condivisi

In conclusione, la supply chain integrata funziona al massimo del suo potenziale soltanto quando è pianificata con attenzione, opera in perfetta sinergia in tutte le sue fasi e prevede la collaborazione di team di gestione con obiettivi comuni e chiari.

Come molte altre complesse sfide organizzative, anche questo processo prevede dunque una visione condivisa e una comunicazione frequente e trasparente in merito alle aree di implementazione e alle possibili criticità da risolvere. Soltanto in questo modo tutti gli attori coinvolti avranno a disposizione gli strumenti più adeguati per concentrarsi su una supply chain di alto valore e sul raggiungimento degli obiettivi condivisi.

Carlo Marrazzo

Esperto di miglioramento delle performance dei processi, inizia il suo percorso professionale nel settore automotive, per poi spostarsi nella consulenza di direzione. Ha impostato e condotto con successo numerosi progetti di Lean Transformation e Operational Excellence in diversi settori aziendali, dapprima come manager di importanti gruppi aziendali e poi come consulente di direzione. Nel corso degli anni si è specializzato, soprattutto, nell’ottimizzazione delle performance di produzioni su commessa, dove i clienti finali richiedono prodotti ad alto contenuto di customizzazione. È un professionista con un forte focus sul risultato e con una grande capacità di guidare persone e organizzazioni nel raggiungimento di obiettivi sfidanti. È ideatore di ValueXcellence, il primo approccio per il miglioramento delle performance globali della catena del valore, dedicato alle aziende che, come la tua, fanno o intendono fare della customizzazione di prodotto una delle loro principali leve strategiche.