The Lean Production Notebook

Appunti e spunti sulla produzione snella   Lean Production

Negli ultimi dieci anni in Italia, e ancor prima negli Stati Uniti ed in altri paesi in Europa, si è andato affermando un modello di sviluppo delle attività produttive denominato “lean production” (produzione “snella”). 

Le origini di questo modello risalgono agli anni ’50-60 quando in Giappone, e più precisamente in Toyota Motors, Taiichi Ohno, classificò gli sprechi nei processi produttivi e definì i principi del “Toyota Production System”: nonostante la diffusione avvenuta di recente, questo modello è ancora oggi scarsamente utilizzato in molti settori industriali, soprattutto – ahimè – in Italia. 

Quindici anni fa questo modello era considerato una novità o addirittura inapplicabile nelle aziende italiane: oggi esistono diverse realtà di diversi settori che hanno applicato con successo anche in Italia la “lean production”. 

Il modello è oggi materia negli istituti universitari ed esistono numerosi gruppi sui social media che parlano di questo argomento. Il motivo di questo affermarsi del modello anche nel nostro paese è da ricondurre al fatto che la “lean production” consente di progettare e realizzare sistemi produttivi flessibili, agili, snelli, oggi necessari per soddisfare le sempre più diverse esigenze dei clienti: è infatti ormai chiaro che il trend inarrestabile in tutti – oserei dire – i settori industriali è quello che porta dalla “mass production” alla “mass customization”, dovuta alla globalizzazione dei mercati ed alla diversificazione e personalizzazione dei prodotti/servizi offerti, con conseguente polverizzazione delle quantità richieste di ciascun prodotto. 

Da tempo non è più valida la famosa frase di Henry Ford, inventore della produzione di serie: “Ogni cliente può ottenere una Ford T colorata di qualunque colore desideri, purché sia nero!”. Il modello “lean production” è l’unico in grado oggi di coniugare l’efficacia del processo produttivo, necessaria per soddisfare esigenze diverse dei clienti in termini dii prodotto e servizio, con l’efficienza necessaria per mantenere e ridurre i costi di produzione. 

Questo libro non si vuole sostituire o aggiungere alla numerose pubblicazioni già in circolo da anni sul modello “lean production”, né intende fornire trattazioni teoriche di dettaglio sulle singole tecniche o strumenti del modello. L’obiettivo è fornire elementi e spunti di riflessione per la discussione e mettere in evidenza la praticità e semplicità del modello, caratteristiche che lo rendono applicabile in tutti i settori industriali. Nel primo capitolo verranno presentate le origini e le logiche di fondo della “lean production”: nei capitoli che seguono vengono presentati invece i principi operativi e le tecniche di base che vengono utilizzate per introdurre il modello in azienda.  

Sviluppare la tua azienda su best practices
progettate per te.